CONDIZIONI GENERALI CONSULENTI

1. PREMESSA

1.1 I termini e condizioni che seguono regolano il rapporto contrattuale che si instaurerà tra LINCO e il CONSULENTE in ragione dell’attività di messa in relazione che la prima curerà ed attuerà tra il secondo e uno o più terzi soggetti committenti (indi il CLIENTE o i CLIENTI). CONSULENTE e CLIENTE regoleranno in via autonoma il rapporto contrattuale tra loro instaurato, restando LINCO completamente estranea a tali previsioni.

1.2 LINCO è titolare e gestisce una piattaforma telematica che agevola il reperimento, la presentazione e la messa in relazione tra il CLIENTE e i CONSULENTI, che siano stati preventivamente accreditati da LINCO, per promuovere servizi di consulenza a breve e lungo termine.

1.3 L’attività prestata da LINCO viene remunerata con il riconoscimento in suo favore di una commissione, computata sul corrispettivo complessivo imponibile di ciascun servizio (COMMISSIONE LINCO), che verrà direttamente negoziato tra CLIENTE e CONSULENTE, per il tramite di LINCO.

1.4 LINCO curerà la trasmissione al CLIENTE di una nota riepilogativa dei corrispettivi dovuti al CONSULENTE e della commissione dovuta a LINCO. Il CLIENTE provvederà al pagamento secondo quanto indicato nella nota riepilogativa.

1.5 Le PARTI dichiarano e riconoscono la natura strettamente riservata del presente accordo, così come dell’accordo che sarà stipulato tra CLIENTE e CONSULENTE.

1.6 CLIENTE e CONSULENTE saranno direttamente responsabili, l’uno nei confronti dell’altro, della negoziazione, disciplina e sottoscrizione del contratto di consulenza, esonerando sin da ora LINCO da qualsivoglia responsabilità diretta o indiretta al riguardo.

2. CONSULENZA

Per l’intera durata di ciascuna COMMESSA stipulata con il CLIENTE, il CONSULENTE si impegna ad agire conformandosi alle intese direttamente intercorse con il CLIENTE, adoperando la diligenza richiesta all’operatore qualificato.

3. PROCEDURA DI MESSA IN RELAZIONE E STIPULAZIONE DEL CONTRATTO

Il CLIENTE segnala a LINCO la COMMESSA o le COMMESSE che intende conferire, dettagliando gli estremi dei servizi richiesti (oggetto, tempi, budget) e conseguentemente LINCO si attiva per individuare i profili dei CONSULENTI rispondenti alle richieste del CLIENTE nel novero dei nominativi preselezionati e accreditati ai sensi del presente contratto.

LINCO individuerà i potenziali CONSULENTI che, ricevuti gli estremi della COMMESSA, dovranno entro il termine ultimo delle ore 24:00 del giorno successivo:

  • manifestare il proprio interesse ad assumere l’incarico;
  • formulare la relativa disponibilità, indicando i corrispettivi richiesti (a giornata / a forfait) e le relative spese;

In caso di mancato riscontro entro il termine predetto, il CONSULENTE si intenderà ad ogni effetto come non interessato alla COMMESSA.

E’ fatto obbligo al CONSULENTE comunicare in questa fase eventuali modifiche rispetto alle informazioni indicate in sede di prima registrazione, in relazione a:

  • dati anagrafici e fiscali del CONSULENTE che renderà i servizi;
  • formazione, qualifica, titoli ed esperienze specifiche del CONSULENTE;

LINCO trasmetterà l’offerta di servizi al CLIENTE sulla base di tali informazioni, esponendo altresì la commissione da riconoscersi per l’attività prestata (COMMISSIONE LINCO), computata sul compenso globale imponibile esposto dal CONSULENTE.

Il CLIENTE, nei successivi dieci giorni, comunicherà la propria accettazione o il proprio rifiuto della proposta.

Resta salva la possibilità di eventuali controproposte, che dovranno essere sempre veicolate attraverso LINCO.

In caso di raggiunto incontro tra proposta e accettazione, il contratto tra CLIENTE e CONSULENTE sarà perfezionato.

4. CONDOTTE ELUSIVE

Per l’intera durata della COMMESSA e fino a 12 mesi dopo la sua conclusione, il CONSULENTE non può accettare una richiesta o un’offerta di lavoro (quale che sia il relativo inquadramento) avanzata da un CLIENTE, che sia già stato presentato in dipendenza del presente contratto, bypassando LINCO. Tale divieto è da intendersi esteso a società controllata, partecipata o comunque legata al CLIENTE in ragione di governance o assetto societario anche solo parzialmente comuni.

In caso di violazione del presente divieto, il CONSULENTE sarà tenuto a versare a LINCO una penale per un importo pari al doppio del corrispettivo pattuito tra CONSULENTE e CLIENTE per la COMMESSA elusiva.

Per il periodo dell’incarico di consulenza e fino a 12 mesi dopo la sua conclusione, il CONSULENTE si obbliga a comunicare a LINCO gli estremi di tutte le trattative e i contratti eventualmente stipulati con CLIENTI che siano stati previamente presentati da LINCO o, comunque, conosciuti in dipendenza della presenza del nominativo del CONSULENTE sulla piattaforma LINCO.

5. COMPENSO E FATTURAZIONE – CLAUSOLA WINBACK

Il compenso dovuto al CONSULENTE sarà corrisposto dal CLIENTE nell’entità e secondo i termini tra loro direttamente negoziati.

In aggiunta al compenso dovuto al CONSULENTE, il CLIENTE corrisponderà a LINCO la COMMISSIONE LINCO.

Ai fini di quanto sopra, LINCO invierà al CLIENTE una nota di riepilogo delle somme dovute, corredata dei relativi documenti giustificativi. LINCO riconoscerà al CONSULENTE una commissione pari al 5% (WINBACK) del corrispettivo globale imponibile relativo alla prima COMMESSA intermediata con un nuovo CLIENTE che sia stato presentato dal CONSULENTE.

Il riconoscimento del WINBACK è subordinato alle seguenti condizioni:

  • il nuovo CLIENTE dovrà indicare nel modulo di richiesta inviato a LINCO gli estremi del CONSULENTE che lo abbia presentato;
  • la COMMESSA dovrà essere di valore complessivo lordo non inferiore ad euro 1.000;

restando inteso che le COMMESSE successive alla prima che dovessero essere affidate dal medesimo CLIENTE non genereranno ulteriori WINBACK.

6. GARANZIE E RESPONSABILITA’

Il CONSULENTE libera da ogni responsabilità LINCO in relazione a tutte le obbligazioni, costi, danni, perdite (inclusi mancati utili e danni alla fama commerciale) derivanti dall’incarico di consulenza  ricevuto dal CLIENTE.

Il rapporto che si instaurerà tra il CONSULENTE e il CLIENTE non comporterà alcuna responsabilità in capo a LINCO per le conseguenze di natura civilistica, penale, amministrativa e previdenziale conseguenti a tale accordo.

LINCO non è responsabile nei confronti del CONSULENTE per qualsivoglia perdita dovesse subire in dipendenza delle azioni od omissioni (contrattuali o extracontrattuali) del CLIENTE.

7. RISERVATEZZA

Le PARTI si impegnano reciprocamente a non divulgare, in qualsiasi momento durante il periodo di validità del presente accordo, e per un periodo di due anni dopo la sua risoluzione (quale che ne sia stata la ragione determinante), le informazioni riservate relativa agli affari, clienti, fornitori dell’altra PARTE o di qualsiasi membro del gruppo di società a cui appartiene l’altra PARTE. Resta fermo il diritto di poter impiegare tali informazioni ove necessario per l’adempimento degli obblighi discendenti dal presente accordo.

La previsione di cui al comma che precede si intende estesa anche alle informazioni ricevute nella fase di negoziazione e alle informazioni relative al CLIENTE.

Il CONSULENTE acconsente e autorizza LINCO ad utilizzare il nome e il logo del CONSULENTE a scopi promozionali della propria attività.

LINCO può mettere a disposizione dei futuri CLIENTI valutazioni delle prestazioni dei CONSULENTI rese da parte dei CLIENTI precedenti; non è tenuto a rivedere o verificare l’accuratezza di tali valutazioni.

8. DURATA E RISOLUZIONE

Il presente accordo avrà efficacia dalla data in cui LINCO comunicherà l’avvenuto accreditamento del CONSULENTE e avrà durata di anni uno. Alla scadenza il contratto si rinnoverà automaticamente per un periodo di eguale durata, e così alle successive scadenze prorogate, fatta salva la possibilità per ciascuna PARTE di impedire la rinnovazione, recedendo dal contratto con comunicazione di disdetta da inviarsi con preavviso di mesi uno rispetto alla scadenza originaria o prorogata.

In caso di (i) violazione degli obblighi fissati dall’art. 4; (ii) comunicazione di dati non veritieri o incompleti resi in fase di prima registrazione o, comunque, non correttamente modificati ai sensi di quanto previsto all’art. 3; (iii) condotta omissiva o commissiva che leda il vincolo fiduciario connaturato al rapporto instaurato; il presente contratto si risolverà di diritto, con l’immediata esclusione del CONSULENTE dalla piattaforma LINCO (e conseguente decadenza di ogni convenzione / sconto / trattamento di favore e/o diritto connesso all’affiliazione) e con il diritto di LINCO di agire per conseguire il risarcimento dei danni patiti.

Il rapporto contrattuale tra CONSULENTE e CLIENTE sarà regolato dalle specifiche intese tra loro strette.

9. PROTEZIONE DATI PERSONALI

Con riferimento al trattamento dei dati personali del CONSULENTE da parte di LINCO per finalità contrattuali e promozionali, LINCO è TITOLARE del trattamento, in conformità a quanto riportato nell’informativa rilasciata alla sottoscrizione del presente contratto, il cui contenuto si intende qui integralmente riportato e che il CONSULENTE dichiara di aver ricevuto.

10. LEGGE APPLICABILE, GIURISDIZIONE E FORO COMPETENTE

Il presente accordo è regolato dalla Legge italiana.

La competenza giurisdizionale a conoscere delle controversie relative al presente accordo, alla fase ad esso prodromica, all’esecuzione, risoluzione e comunque da esso nascenti, viene convenzionalmente attribuita in via esclusiva all’Autorità giudiziaria italiana, individuando il Tribunale di Milano quale foro parimenti esclusivo.

11. ELEZIONE DI DOMICILIO – COMUNICAZIONI

Le PARTI eleggono domicilio presso le rispettive sedi legali, riconoscendo sin d’ora piena validità alle comunicazioni scambiate a mezzo p.e.c., anche ove i documenti non fossero sottoscritti digitalmente.